IMG_0072 (Copy)
30 marzo, 2018 Video

IMG_0070 (Copy) IMG_0072 (Copy) IMG_0074 (Copy) IMG_0075 (Copy) IMG_0076 (Copy) IMG_0077 (Copy)

Concludiamo l’analisi svolta sulle varietà di albicocco e sulle conseguenze che queste hanno avuto in seguito alle gelate di febbraio e marzo. L’ultima varietà che andiamo a valutare è probabilmente quella a fioritura più tardiva fra tutte quelle attualmente presenti nel nostro catalogo varietale ovvero Albinova. Si tratta di una varietà autofertile dal fabbisogno di ore di freddo elevato e dalla fioritura estremamente tardiva, tutte caratteristiche che la rendono particolarmente interessante per le zone produttive del nord Italia (Piemonte, Emilia Romagna, Trentino) e per quelle dell’Europa Centrale (Ungheria e Serbia in particolare). Ebbene non riscontriamo danni da gelo sia riferiti alla gelata di febbraio che a quella più recente di metà marzo dove comunque le gemme erano ancora chiuse e quindi più protette rispetto alle varietà a fioritura precoce.  Albinova è una varietà ottenuta dal Dott. Angelo Minguzzi e le foto provengono da un impianto di 1,5 ha presso Bagnacavallo (RA).